Biografia

Biografia 2018-04-05T01:04:15+00:00

Nasce a Genova nel 1953. Si laurea in Lettere all’Università di Genova e si perfeziona in Storia dell’arte medioevale e moderna.
Dal 1981 è storico dell’arte presso il Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Ha iniziato a suonare negli anni ’60 con un complessino beat (The Pixilated Cooks). Alla fine degli anni ‘70 incide col compagno di banco del liceo Mazzini, Antonio Bottero un LP che non verrà pubblicato per dissensi con la produzione. Inizia quindi a comporre per proprio conto, esibendosi sporadicamente come solista. Intorno al ’90 conosce Giorgio Conte, che lo convince a depositare alla S.I.A.E. i suoi pezzi e a farli conoscere in modo meno occasionale.

Nel ’97 entra in contatto con un gruppo di Taggia, la “D’s Band“, e con loro organizza una fortunata serata in un locale genovese, la Madeleine.
Conosce nel frattempo il medico-pianista Marco Spiccio e il fotografo-cantautore Augusto Forin, e con loro dà vita al progetto “Operazione Arcivernice”.
Nel Teatro del Casinò di Sanremo, il 4 aprile 10998, D’s Band e “Operazione Arcivernice” fanno un concerto dedicato al Progetto Cernobyl di Legambiente.

Nell’estate del 1999 “Operazione Arcivernice” forma una band e produce un ciclo di concerti co-finanziati, per “Insieme in Liguria”, dalla Regione Liguria.

Il 18 gennaio 2000, Il trio Boggero, Spiccio e Forin partecipa al “Concerto per un amico poeta / Piero Ciampi” nell’Auditorium di San Vito al Tagliamento, con Nada e Pino Pavone.Caricatura_Franco_Petrucci

A partire dal 2000 Franco torna a proporre quasi esclusivamente le proprie canzoni, sempre accompagnato da Marco Spiccio al piano, e successivamente da Federico Bagnasco al contrabbasso e Daviano Rotella alla batteria.

Boggero è uno che sa guardare all’assurdo del quotidiano, nelle sue canzoni, con una lente da entomologo marziano: coglie piccoli vizi e personali viltà, stupori improvvisi e assurdità assortite” (Guido Festinese in “Alias”, 6/2010).

Nel 2009 è finalista al Premio Tenco (sezione Opera Prima) col suo primo cd “ufficiale”, Lo so che non c’entra niente.

Il 4 ottobre 2009 si è esibito al Teatro Sociale di Brescia nell’ambito del festival “Dallo sciamano allo showman”, dedicato alla canzone umoristica d’autore, e ha ricevuto – ex aequo con la Banda Elastica Pellizza – la Targa intitolata a Bigi Barbieri, indimenticabile animatore del Club Tenco di Sanremo.

Con il concerto del 6 novembre al Teatro della Gioventù viene presentato per la prima volta al pubblico genovese il cd (Lo so che non c’entra niente) finalista al Premio Tenco.

Il 14 novembre partecipa, al Teatro Ariston di Sanremo, alla Rassegna Tenco.

Siccome non c’è nota che non sia parzialissima, dico che lui, con Federico Bagnasco al contrabbasso e Marco Spiccio al piano, sono fra le cose che uno scriba conserva per i suoi sventurati nipotini avvenire (Giovanni Choukhadarian in “Mentelocale.it”).

il 10 dicembre, presso la libreria Ipazia di Sanremo, è designato da Freddy Colt “nono Giannizzero del Sultanato dello Swing”.

Il 23 gennaio 2010, recital al Folkclub di Torino con Spiccio, Bagnasco e Rotella.

L’8 agosto, a Sanremo, Villa Ormond, per “Zazzarazzaz, XII Festival della Canzone jazzata”, Lo so che non c’entra niente, con Spiccio, Rotella e Maxi Rolff al contrabbasso

14 ottobre: al Count Basie di Genova, concerto per il restauro dell’arco di salita Santa Brigida: vi compare per la prima volta il sassofonista Paolo Maffi, che entrerà a far parte del “Franco Boggero Quintet“.

Alcuni altri concerti:

11 febbraio 2011: recital al Teatro HOPS (Genova, piazzetta Cambiaso), con Spiccio e Bagnasco.

27 ottobre 2011: a Mestre, Centro Culturale Candiani, Con il mare nella testa (con Vittorio De Scalzi).

15 febbraio 2012: al Piccolo Teatro di Sanremo, recital col fisarmonicista Alessandro Zacheo.

21 giugno 2012: nel Cortile del Collegio (Università di Genova), recital musicale con Marco Spiccio (Caramelle da non rompere coi denti), in occasione della Festa della Musica.

7 settembre 2013: il “Franco Boggero Quintet” a Bordighera, Villa Regina Margherita.

17 gennaio 2014: il “Franco Boggero Quintet” a Genova, al Cancello del Cinabro.

15 marzo 2014: a Roma, Teatro Arciliuto, Boggero&Spiccio (Arnesi per fare musica).

17 luglio 2014: Boggero&Spiccio tra Genova e Portofino sulla motonave “Sagittario” (Canzoni d’autore, sull’acqua e sotto le stelle)

4 agosto 2014: a Sanremo, piazza San Siro, partecipazione a “Zazzarazzaz, XV Festival della Canzone jazzata”, con l’Orchestra Cocò

10 ottobre 2014: a Roma, nel Teatro del Carcere di Rebibbia, con Max Manfredi, Marco Spiccio e la Band Musicale di Rebibbia, Omaggio a Fabrizio De André.

Nel dicembre 2014, il brano Sfumature (dal cd Lo so che non c’entra niente) è ospitato nel sito “Una canzone per Genova”, ideato da Gino Paoli per portare soccorso agli alluvionati genovesi attraverso l’ascolto o la condivisione di un pezzo.

Nella strenna della Banca Carige Genova e la canzone d’autore, a cura di Enrico De Angelis (Genova 2014), gli è dedicato un paragrafo:

“Molto spesso in Boggero, un piccolo avvenimento, anche banale, diventa l’occasione – come in una specie di epifania – di porsi grandi domande esistenziali” (Andrea Podestà).”

17 luglio 2015: a Laigueglia, piazza Cavour, il “Franco Boggero Quintet” in Queste piazze davanti al mare (con Roberta Alloisio e Marina Rei).

10 agosto 2015: ad Andora, piazza Santa Rita, il “Franco Boggero Quintet” in Caramelle da non rompere coi denti.

Nell’agosto 2015, è avviata a Genova la registrazione dei pezzi che compariranno nel prossimo cd, Una Punta da Cinque.

Il 3 Febbraio 2016 partecipa, con Marco Spiccio, alla performace Azione 1 tenuta da Luca Quartana a Milano, nello spazio di “Assab One”. Luca si taglia la barba, e loro eseguono Sfumature.