La mia famiglia - Franco Boggero Storico dell'Arte

La mia famiglia

Non so da dove mia figlia, forse una decina d’anni fa (ormai è maggiorenne), abbia tratto ispirazione per questa serie di ritratti – come tali me li presentava – che concorrono a comporre un insieme intitolato La mia famiglia. Pensavo che avesse potuto sfogliare la raccolta de Il giro del mondo, un giornale di viaggi[…]

Share Button
Candelabri - Franco Boggero Storico dell'Arte

Candelabri

Nel 1976, la Sagep Editrice mi aveva commissionato una delle sue “Guide di Genova”: era quella dedicata alla chiesa di San Siro (la n. 33), che sarebbe uscita l’anno successivo. Negli ultimi mesi del ’76 avevo dunque accompagnato Enrico Polidori, incaricato della campagna fotografica, per l’individuazione dei relativi scatti.  Vero punto focale dello spazio interno[…]

Share Button
Le polene - Museo Navale La Spezia - Franco Boggero

Le polene

Solo qualche appunto personale a margine di un allestimento: quello della Sala delle Polene, nel Museo Tecnico Navale di La Spezia. Dunque: le polene coricate su materassi, come in un ospedale da campo. Sollevate e sistemate, con appositi sistemi d’aggancio, sui dritti di prora, a riguadagnare una posizione e un assetto verosimili. Toelettate (qualcuno dice[…]

Share Button
La torre spiralata - Franco Boggero

La torre spiralata

Ci sono passato davanti con Piero Fantoni, sulla strada di Cremona. Ci siamo fermati a fare qualche foto, cercando di capire: poi, a casa, uno indaga un po’. È villa Biazzi, o se si preferisce il casale Biazzi. Un’azienda agricola alquanto délabré che spicca, isolata, sull’intersezione di via Sesto con via Picenengo. La pianta è[…]

Share Button
Tre cinematografi - Franco Boggero Storico dell'Arte

Tre cinematografi

Il primo e il secondo li ho trovati nel nord-est della Corsica, non più di cinque anni fa. Cinema estivo all’aperto d’altri tempi (e rustico al massimo grado) il primo, di cui purtroppo non riesco a decifrare il nome. Spavaldamente affacciato sulla piana e sul mare Le Rex, struggente ostentazione di modernità dall’incertissimo futuro (esisterà[…]

Share Button
Grattacieli e non - Franco Boggero Storico dell'arte

Grattacieli e non

Un’immagine della selva di Manhattan. Un credibile lembo di Manhattan nel centro di Genova: la Torre dell’Orologio in piazza Dante. Una struggente cartolina dei “Grattacieli di Via Varenna”, a Genova-Pegli: grattacieli atticciati, con improbabili balconate. Le balconate tornano nelle grandi navi da crociera (possibile accostamento agli edifici condominali sulle colline retrostanti).

Share Button
Cavi trascorrenti - Franco Boggero Storico dell'arte

Cavi trascorrenti

Non che nella mia città la cosa non sussista, anzi. Ma forse è più dolorosamente percepibile in una cittadina: con un centro storico di ridotte dimensioni, e case dotate di piccoli e graziosi portali (di diverse età, tra XV e XVIII secolo). Dove il passaggio indifferente, e quasi irridente dei cavi, si fa notare e[…]

Share Button
Frati poco visibili - Franco Boggero storico dell'arte

Frati poco visibili

A Genova, se vado in piazza Bandiera è quasi sempre per un appuntamento (nel senso che, in genere, qualcuno passa di lì a prendermi in macchina). Non la direi un posto straordinario, ricavata com’è da un piano ottocentesco di risanamento che aveva demolito diverse case medievali. E ridotta com’è a un posteggio, ti accorgi appena[…]

Share Button
Franco Boggero - Storico dell'arte

Nel Bosco

Era stata la classica soffiata, in un bar-pasticceria di Taggia, a farmi sapere del Cristo. Uno sconosciuto mi aveva identificato come “quello delle Belle Arti”, e mi aveva detto di un Crocifisso antichissimo conservato nell’eremo dei Maddalenanti: sul versante destro della valle Argentina, a circa due ore di cammino. Il Cristo era davvero là, ed[…]

Share Button
Cartoline della villa - Franco Boggero

Cartoline della Villa

Sotto Villa Pallavicini, il tuttora rinomato parco “all’inglese” di Pegli, passa da diversi anni l’autostrada: ed è soprattutto l’Oasi dei Palmizi a subirne la vicinanza, funestata com’è da un costante rumore di fondo. Nonostante i molti restauri, la Villa porta ancora, inevitabilmente, i segni di un lungo abbandono. Negli anni ’60 e ’70 era ridotta[…]

Share Button